venerdì 15 novembre 2019

Nato a Novembre

Sono nato sotto un cielo lacrimante,
grigio come la tristezza che mangia le anime.
Ho subito carpito il freddo,
il ticchettio della pioggia,
monotono e incessante.
La luce scarsa, il morire velocissimo del giorno.
Dormivo con occhi socchiusi e sentivo l'incombere delle tenebre
al di là dei vetri appannati delle fragili finestre.
Il mondo era buio, malevolo, nefasto.
Sono nato a Novembre si, allevato dalle ombre e da una nidiata di scorpioni.
Ho capito subito la profondità delle cose,sensibili sussurri, impercettibili agli altri, ma così nitidi  in me.
Così ho imparato a vedere attraverso la pelle degli uomini, a leggere negli occhi tristi, a immedesimarmi e capire.
Io so scrutare le anime altrui, annusarne l'essenza, poiché sono figlio della non luce.
Poi è sorto il sole, 
splendido,
 e novembre non c'era già più.
Davide Giannicolo

lunedì 11 novembre 2019

Solv et coagula

Nel cuore della notte,
Satana,
che tre le ombre tutto scruta,
affonda tetri artigli di consapevolezza
nelle anime putrefatte dalla menzogna.

Davide Giannicolo

mercoledì 16 ottobre 2019

Sole d'ottobre

A cosa serve un'albero 
se non ti ci stendi ai piedi?

A cosa serve avere un cuore
se non lo fai sanguinare?
 
Davide Giannicolo

sabato 16 giugno 2018

Sogno




Il sogno
è la discarica della memoria,
una plaga dismessa,
cimitero abbandonato;
ove di tanto in tanto
s'inscenano cupe,
inquiete scenette
recitate in mal modo
da spettri grottechi
privi di vita e sapore.

Non scalda,
il sole del sogno,
né disseta la sua acqua.

Tutto è inganno 
in quel regno nefasto,
triste tentativo della morte
d'aggrapparsi alla vita.

L'inverso del battito d'ali
d'una farfalla nivea
che si posa su un teschio, 
spargendovi soavemente
una pioggia di spore dorate.

                                                Davide Giannicolo



mercoledì 15 novembre 2017

La culla degli abissi



Un polipo ferito
sogna,
incastrato negli scogli,
a molti metri sotto,
mentre sopra 
imperversa la tempesta
che flagella onde e vascelli.

Non teme il cielo
il dormiente degli abissi
attanagliato dalla propria incoscienza.

La corrente
dolcemente
culla i suoi tentacoli.

Davide Giannicolo

domenica 15 ottobre 2017

Athena Noctua





L’albagia di un gufo
fluttuante nel buio
d’un alba invernale.

Il silenzio
rindonda
sulle ali
del volatile bianco
che dinnanzi ai miei occhi s’erge.

Athena Noctua
perché t’attardi?
La luce s’appresta
e tu ancora indugi,
forse a favore d’una caccia propizia.

Preda:
un frammento dell’anima mia sensibilissima,
che lestamente
hai portato via con te,
ben stretta tra i fulgidi artigli.

Mai,
Athena Noctua,
Io scorderò il tuo volo.

Davide Giannicolo


lunedì 4 settembre 2017

L'eloquenza d'un tapiro appena sveglio



L’eloquenza d’un tapiro appena sveglio


1
La vita è un lento suicidio a modo tuo



L’aria era irrespirabile, pesante come una mano armata di cloroformio che preme sul muso attonito di un passante. Di tanto in tanto il cielo oppresso dal grigiore d’un estate malata sputacchiava qualche goccia di pioggia, allora l’acqua si mescolava alla polvere, generando un olezzo di tetra siccità.
Naturalmente le strade asfaltate della città erano deserte, una plaga delle illusioni infrante che si estendeva a perdita d’occhio.
Il respiro era timido, asfissiante, non si addiceva a quello di un eroe; lo sapeva bene il tapiro, scelto suo malgrado da una voce incombente che non aveva neanche avuto l’educazione di mostrargli il suo fautore.
“Non voglio andare!” Disse il Tapiro. “Non credo di averne le forze!”
“Invece devi! Dovrai pur nutrirti!” Disse la voce.
Tutto era silente solitudine, l’aria pesante attanagliava la testa del tapiro, era come se le vene del cervello poco avvezzo al pensiero stessero per esplodere facendosi strada attraverso i bulbi oculari, le pareti del cranio resistevano invece alla veemente pressione interna, provocando lancinanti fitte di dolore. Parlare attraverso la bocca anestetizzata e riarsa dalla sete mortale era cosa quasi impensabile, ma il tapiro lo fece, in un languido sussurro, mosso da una macabra disperazione.
“Nutrirmi? Non ne ho le forze ti ho detto, non voglio!”
“Morirai allora.”
La voce era appollaiata sugli occhietti socchiusi e doloranti del tapiro.
“Va bene, lo accetto, così sia, morirò volentieri, non ho nessuna intenzione di incamminarmi verso nessun cazzo di castello al fine di nutrirmi, comunque vada mi ucciderà prima questo deserto infuocato.”

2
Tutto osare e nulla temere

Per un breve istante regnò il silenzio, il sangue pulsava nei timpani del tapiro coprendo ogni esterno sentore. Improvvisamente una mano inguantata sollevò l’ansimante animale, i piccoli occhi si dischiusero lentamente sfuggendo al sonno fatale dell’agonia.
Una maschera da scherma nera copriva un volto impossibile da scrutare, era già difficile respirare in quella plaga desolata, figurarsi come doveva essere farlo attraverso i minuscoli spiragli della rete scurissima su cui era dipinta una scarlatta Croce di Malta.
“Con me c’era un seguace di Hans Talhoffer!”
La voce dello schermidore non era certo quella di poco prima, che ora taceva come a non volersi svelare.
“Il poveraccio è morto sotto il peso della sua arrugginita armatura, fa troppo caldo qui per un seguace di Talhoffer, ovvio!”
Il tapiro capiva a malapena le parole criptiche del masochista innanzi a lui.
“Sarai tu il mio nuovo compagno di viaggio, verrai con me al Castello del Dolore dove recupererò il mio onore perduto!”
“Ma io non voglio, l’ho già detto alla voce di prima, adesso ti ci metti anche tu? Non conosco neanche le vostre facce!”
Le proteste sembrarono non essere ascoltate, il tapiro finì in una grossa borsa di pelle di gufo e si ritrovò sul sedile di una potente, aggressiva automobile dalle linee ultramoderne.
“Sorpreso? Pensavi che andassimo a piedi? Non temere, al Castello del Dolore i soldi non mancano, dovrai però barattarli col tuo onore, quotidianamente, è così che mi hanno fottuto.”
“Io non voglio una potente macchina aggressiva, tantomeno una maschera da scherma nera, sono un tapiro io, non so se si vede, vorrei solo starmene tranquillo!”
“Tu dunque non hai onore da vendere o barattare?”

Era troppo tardi, una frotta di zombie incedeva all’orizzonte, presto la folla affamata circondò la nera vettura che scintillava al sole.

“Ci condurranno bendati al castello, io ci sono già stato, risucchieranno ogni tua fibra, in compenso però potrai bere e mangiare, magari ti avanzerà pure qualcosa, in fondo la vita è un lento suicidio amico mio, camminiamo tutti inesorabilmente verso la morte come il seguace di Talhoffer che è schiattato poco fa.”

Il tapiro era affranto, non capiva perché quel folle spadaccino lo avesse condotto lì dove voleva la voce persuasiva a cui s’era opposto. Che differenza c’era tra il morire nel posto in cui era prima o in quell’austero castello delle angosce?

3
Il Castello del Dolore

Fu tutto molto semplice e veloce:
Immatricolazione, assegnamento mansione e obliterazione.
Col tapiro c’erano un bradipo, un’antilope, un grosso orso orbo, due porci e un volpone.
Dovevano lavorare, continuamente, fino allo sfinimento, per farlo venivano imbottiti di droghe e frastornati mediante inibitori auditivi, spettri subliminali che fottevano a sangue il cervello.
Fortunatamente lo schermidore fu immediatamente riconosciuto, risparmiando al tapiro ulteriori fatiche.
“Tu sei quello che cerca il suo onore!” Disse il volpone.
“Chiama gli zombie, chiama i mannari!” Fece eco l’antilope.
“A che serve una vacanza col tempo che c’è fuori? Io adoro questo posto!” Aggiunse l’orso orbo in piena, schiumante crisi produttiva.
Arrivarono gli zombie armati di grattugia, le usavano soprattutto sulle tempie per impedirti di pensare.
“Sarò breve, altrimenti mi rivelerò impubblicabile, è ignobile ciò che accade in questo luogo, non ho il tempo che aveva Kafka per il suo Castello!” Disse lo schermidore tuffandosi tra i non morti.
“Questa è una spada a una mano e questo un brocchiere!” E via una testa, via una mascella.
“Questa invece è una mano sinistra rinascimentale!” Via pezzi di carotide e velocissimi colpi di punta.
Non fuoriusciva sangue da quei corpi, solo sabbia, polvere e sudore legnoso.
Lo spadaccino se la cavava molto bene:
“Dov’è nascosto il mio onore?”
“Ma qui avrai gloria!” Disse uno dei maiali “Nella produzione massima sarai premiato settimana dopo settimana, a cosa ti serve l’onore? Noi abbiamo il plauso sempiterno di chi lavora sodo e provvede a se stesso.”
Una daga lanciata si conficcò in mezzo agli occhi porcini.
“Lavora, lavora e stai zitto!” borbottava il bradipo.
“Lavora, lavora, lavora, lavora, non giunge l’aurora, lo senti il ticchettio della morte? Lavora, lavora, lavora che è ora, vedi lontano lo spettro del mare?”
Tutti gli zombie erano a terra, il tapiro si strinse forte alle caviglie dello spadaccino, giunsero i mannari, si udivano di lontano i ringhi soffocati dalla bava omicida, il digrignare delle zanne ingiallite dai cadaveri masticati, il suono spavaldo degli artigli che cozzavano tra loro.
“Resta in piedi schermidore, voglio andare via di qui!” Sussurrò il tapiro.
I mannari però erano troppo forti, travolsero l’uomo mascherato, lo trascinarono in un turbine di percosse, ora il sangue scorreva imbrattando i muri ed apparteneva tutto allo spadaccino.
“Non sei un eroe! Non sei niente! Niente!”
Le ossa vennero spezzate con cupa brutalità, ormai il corpo senza vita pareva quello di un pupazzo di pezza, venne issato e gettato in un complesso macchinario, le carni e lo scheletro triturati divennero un frigobar.



4
Rassegnazione e disincanto

Ancora il tapiro udiva il suono scrocchiante della infernale macellazione, le spalle dello spadaccino triturate, il bacino spremuto come fosse un pompelmo croccante.
Un ragno enorme poi, rosso come il rubino, discese lentamente dal soffitto.
“Questo è il mio castello, specchio del mio essere, e qui si fa come dico io! Non temere a te non accadrà ciò che è successo allo schermidore, tu sei un tapiro, mansueto per natura e fortunatamente non hai una minima idea di cosa sia l’onore.”
Il ragno non ammise repliche, risalì la tela svanendo nel soffitto.
L’orso orbo diede una pacca sulla spalla al tapiro sconsolato:
“Stai tranquillo, qui si sta bene, meglio che fuori, almeno qui sarai nutrito e potrai comprarti scarpe e occhiali da sole.”
Così il tapiro venne introdotto alla sua nuova vita, mentre guardava con occhi assenti verso la finestra minuscola incrostata dallo sporco di secoli e secoli.
Era ancora giorno, grigio ma pur sempre illuminato, non sapeva il tapiro, che nel Castello del Dolore erano sempre le nove, le nove di un eterno, nefasto mattino.
Il tapiro lacrimò lentamente pensando:
“Che cazzo se ne fa un orso orbo di scarpe e occhiali da sole?”


Davide Giannicolo